Guida di Semalt ai filtri di profilo di Google Analytics

Analizzare l'analisi dei dati web usando i segmenti è il modo migliore per capirlo. Google Analytics offre variabili personalizzate, filtri di profilo e segmenti avanzati tra i modi più potenti per segmentare i dati. Nel seguente articolo, Oliver King, il responsabile del successo dei clienti Semalt , discuterà dei filtri di profilo.

Filtri di profilo

È una strategia di segmentazione a lungo termine e non è possibile modificarla o eliminarla. Gli esperti consigliano agli utenti di disporre di un profilo di dati non elaborati, che possono utilizzare per il backup in caso di problemi con il processo. La Cronologia delle modifiche di Google Analytics aiuta a tenere traccia delle modifiche apportate ai filtri del profilo. I filtri di profilo ora si applicano ai report in tempo reale, necessari per testare nuovi filtri. Guarda i risultati del nuovo profilo e correggi eventuali errori in tempo reale.

Dieci utili filtri del profilo di Google Analytics

1. Includi indirizzo IP

È uno dei modi migliori per testare il raggiungimento degli obiettivi. Se uno lavora per una grande azienda, c'è la possibilità che ci possano essere altre persone sullo stesso indirizzo. Nella scheda Filtri di Google Analytics, creane una nuova, assegnagli un nome e seleziona la casella con il filtro predefinito. Scegli di includere il traffico esclusivamente dai seguenti indirizzi IP che corrispondono ai criteri del tuo IP corrente.

2. Escludere l'indirizzo IP

È anche importante impostare profili che escludano il traffico interno generato dalla società e da terzi noti. La ragione di ciò è che questi visitatori hanno visualizzazioni di pagina e comportamenti anomali, che è diverso da quello del visitatore "tipico" per il quale i proprietari del sito ottimizzano il loro sito. In Informazioni filtro, selezionare un filtro personalizzato e selezionare la casella di controllo Escludi. Il campo filtro deve leggere l'indirizzo IP, quindi procedere all'inserimento del modello di filtro. Nessuna distinzione tra maiuscole e minuscole per questo filtro. È possibile filtrare un intervallo di indirizzi utilizzando lo strumento Intervallo di indirizzi IP.

3. Includi / Escludi campagna specifica

Se stai conducendo una grande campagna CPC e non desideri che una delle agenzie con cui lavori abbia accesso a queste informazioni, il filtro può aiutare ad escludere i dati CPC dal loro profilo. Sotto le stesse informazioni sul filtro, assegna al filtro un nuovo nome come "escludi visitatori CPC" e assegnagli un'etichetta filtro personalizzata. Seleziona la casella Escludi e seleziona "Mezzo della campagna" nel campo del filtro. Il modello di filtro è CPC e non fa distinzione tra maiuscole e minuscole.

4. Minuscoli sugli attributi della campagna

Più grande è un'azienda, maggiore è il numero di processi di tagging della campagna. Prima di tutto, è importante rispettare le rigide linee guida su come si dovrebbe nominare la propria campagna. Per ovviare a questo problema, aggiungi cinque filtri minuscoli sui parametri della campagna UTM. Questi includono il mezzo della campagna, la fonte, il contenuto, il termine e il nome. Seleziona un nuovo nome come "Minuscolo sugli attributi della campagna". Nel campo filtro personalizzato, seleziona "lettere minuscole" e inserisci "Mezzo campagna" come campo filtro. Aiuta a ripulire i dati per un'analisi più semplice in Google Analytics poiché standardizza tutte le registrazioni medie.

5. Minuscolo su URI richiesta

Gli URL possono contenere sia caratteri minuscoli che maiuscoli e il server Web non esegue un reindirizzamento. Due pagine simili, con diversa caratterizzazione, possono essere registrate come due viste separate nonostante riportino allo stesso contenuto come / chi siamo / e / chi siamo /. Per correggere questo problema, creare un nuovo filtro e assegnare un nome "URI minuscolo su richiesta". È un filtro personalizzato con la casella minuscola selezionata. Il campo filtro dovrebbe contenere "Richiedi URI".

6. Associare il nome host a URI richiesta

Se Google viene eseguito su un'implementazione multidominio e tutti i dati per i due domini vengono raccolti in un profilo, distinguere tra i due nomi potrebbe non essere così semplice. L'aggiunta di una dimensione secondaria o di un nome host dovrebbe aiutare a risolvere il problema. Assegna al filtro un nome come "Allega nome host a URI richiesta" e rendilo personalizzato. Seleziona la casella di controllo "Avanzate". Il campo A per estrarre A dovrebbe essere il nome host, mentre il campo B per estrarre B dovrebbe essere "Richiedi URI". Il "Output To" - Il costruttore dovrebbe anche essere "Request URI". Tutti i campi sono richiesti a parte il campo B e non devono essere sensibili al maiuscolo / minuscolo.

7. Includi regioni specifiche

Ci sono momenti in cui si gestisce un sito Web attraente a livello internazionale e potrebbe essere necessario filtrare determinate regioni. Utilizzare il seguente filtro: Creare il nuovo filtro personalizzato e chiamarlo, pronunciare "Includi Ne | Be | Ger" e scegliere di includere. Il campo filtro deve essere "Paese" e il modello di filtro "Paesi Bassi | Belgio | Germania" e non deve essere sensibile al maiuscolo / minuscolo.

8. Includi solo visitatori mobili

Le aziende dovrebbero utilizzarlo se vogliono dare un'occhiata più da vicino alle prestazioni del segmento dei visitatori mobili. Il nome di un filtro suggerito è "Includi dispositivo mobile" e dovrebbe essere un filtro personalizzato. Seleziona la casella Includi e seleziona "Cellulare?" nel campo filtro. Selezionare "Sì" nel modello di filtro e "no" sulla distinzione tra maiuscole e minuscole.

9. Includi solo il traffico verso una sottodirectory specifica

Se il sito Web di una società include una sezione blog e contiene scrittori di contenuti che aggiungono messaggi ad essa, ci sono diversi motivi per cui limitare l'accesso alla directory sarebbe conveniente. Per gestirlo, crea un filtro predefinito con il nome "Includi traffico blog". Includi solo il traffico verso le sottodirectory che iniziano con "/ blog / come sottodirectory. Non dovrebbe fare distinzione tra maiuscole e minuscole.

10. Includi solo il traffico verso una sottodirectory specifica

Aiuta a impedire ad altre persone di prendere il numero del profilo di Google Analytics e di inserirlo in altri domini. Filtra anche una gestione temporanea o verifica i domini con un numero di profilo GA in esecuzione. Assegna un nome al nuovo filtro personalizzato "Includi dominio di esempio" e seleziona Includi. Dovrebbe avere un campo filtro "Hostname" e "exampledomain \ .com" come modello di filtro. Non è case sensitive.

11. Bonus: escludi tutti i parametri della query

Sarebbe anche importante filtrare i parametri tecnici delle query se il sito Web attuale ne ha molti. Riduce il numero di pagine che compaiono in GA, dando così più significato. Utilizzare "Escludi tutti i parametri di query" come nome per il filtro personalizzato. Seleziona la casella di controllo "Avanzate". Il campo A per estrarre A deve essere URI richiesta e lasciare vuoto il campo B per estrarre B. Il "Output To" - Il costruttore dovrebbe anche essere "Request URI". Tutti i campi sono richiesti a parte il campo B e non devono fare distinzione tra maiuscole e minuscole.

Assegnazione di un ordine filtro

L'implementazione dei filtri di Google Analytics è nel modo in cui l'utente li ha aggiunti. È possibile modificarli nelle impostazioni del profilo nella dashboard dell'amministratore